COMUNE DI MARENE

BENVENUTI SUL SITO DEL COMUNE DI MARENE

logostampa

Menu di Navigazione Principale

Menu Secondario di navigazione

Sei in :  Home  >  Il comune  >  Cittadini onorari  >  Francesco Vincesilao

Francesco Vincesilao

Francesco Vinceslao

Nato a Rutigliano in provincia di Bari l’11 Gennaio 1931, si trasferisce a Torino in giovane età, dove si sposa e diventa padre di due figlie. Durante la sua lunga permanenza nel capoluogo piemontese lavora come impiegato presso il locale stabilimento della Michelin e, nel tempo libero, ama avventurarsi come speleologo; il risultato di tale passione trova espressione in una personale ed importante collezione di minerali e fossili che, minuziosamente catalogata, è stata esposta anche a Marene. Collabora, in quegli anni, con la parrocchia del Carmine di Torino, coadiuvando il parroco in alcune attività organizzative ed occupandosi del riordino dell’archivio e dei registri parrocchiali.

Nel 1991 perde la moglie in seguito ad una grave malattia e, alcuni anni dopo, si risposa con la signora Margherita Dabbene, originaria di Marene. Tale unione lo porta a seguire la propria compagna quand’essa decide di ritornare nel luogo natio e, da quel giorno, i marenesi hanno il piacere di conoscere il signor Francesco. Di mentalità aperta e particolarmente propenso alla socializzazione, non ha troppi problemi ad inserirsi e dimostra, immediatamente, sincero interesse per la nostra comunità. Un componente della nuova famiglia acquisita ricopre in quegli anni il ruolo di assessore presso il comune di Marene. Tale contatto in amministrazione, unito alla passione per ciò che è testimonianza del passato, lo porta a proporsi per un riordino dell’archivio storico del comune, allora non particolarmente curato. In modo del tutto gratuito dedica quasi due anni di lavoro a questa opera in favore del comune, diventando di fatto un collaboratore famigliare e molto apprezzato.

In seguito presta la sua opera anche in parrocchia, eseguendo lavori di riordino dei documenti e provvedendo ad una minuziosa pulizia degli imponenti lampadari di cristallo che illuminano il presbiterio. Nel 1998 viene nominato segretario della locale sezione dell’ ANA (Associazione Nazionale Alpini), facendosi promotore di una intensa attività sociale che culmina con l’organizzazione del decennale di sezione nel 1999. Caso vuole che il signor Francesco, pur dedicandosi senza riserve in favore del Comune di Marene, non ne fosse ufficialmente cittadino. Il 5 Ottobre del 2000, in modo improvviso ed inaspettato, esala il suo ultimo respiro in quel di Venezia, durante un soggiorno di riposo nella lontana città veneta.

L’amministrazione comunale, non avendo avuto occasione di ringraziarlo ufficialmente per i suoi servigi, decide di conferirgli la cittadinanza onoraria, seppur postuma.

Il 13 Novembre del 2000, il Consiglio Comunale di Marene, delibera con la seguente motivazione:

“Il Consiglio Comunale di Marene in memoria ed a ricordo dell’immenso lavoro svolto a favore della comunità marenese conferisce la Cittadinanza Onoraria al Sig. Francesco Vincesilao. Affinchè nel ricordo dei posteri sia testimoniato il profondo affetto che ci ha legati”